TIRAMISU


Il nome della ricetta di oggi lo scrivo in maiuscolo, lo voglio urlare, perché questo è il mio secondo dolce preferito, a pari merito con il Cheesecake.
Amo il tiramisu da quando lo assaggiai la prima volta, preparato da mia madre, con la ricetta di una sua conoscente (che poi era la mamma di V. la mia migliore amica del liceo, quando si dice che le storie di vita s'intrecciano con quelle "pubbliche")
Chi è di Roma sicuramente conoscerà la pasticceria Pompi, e il tiramisù per cui Pompi è rinomato. Bé io vi assicuro che questo è i d e n t i c o.
Il trucco sta nella crema. Deve esser molta (per inciso, c'è gente a cui piace il tiramisu con più biscotti che crema, evitateli, come la peste, sono personaggi da non frequentare - come il mio compagno, tanto x fare un esempio! LOL).
Ingredienti:
  • 4 uova a temperatura ambiente
  • 6 cucchiai rasi di zucchero
  • 250 gr. di mascarpone
  • 24 savoiardi (di ottima qualità)
  • caffè amaro tiepido
  • cacao amaro in polvere
  • un pizzico di sale
Prima di tutto preparate due moka da 2 di caffè e fatelo intiepidire in un piatto fondo. Montate i bianchi a neve con un pizzico di sale. A parte montate i rossi con lo zucchero e poi aggiungete il mascarpone. Montare ancora x far amalgamare bene il tutto e spegnere lo sbattitore. I bianchi vanno uniti muovendo le fruste, con estrema delicatezza, dall'alto in basso, così la crema incorporerà aria e rimarrà spumosa.
Prendete il recipiente in cui volete "comporre" il tiramisu e iniziate a passare i savoiardi nel caffè tiepido. Il movimento dev'essere rapido ma non troppo. Prima da un lato, poi lo rigirate nel caffè e subito dopo lo mettete nel recipiente. Deve bagnarsi di caffè, non troppo da spappolarsi e non troppo poco da restar duro dentro quando lo mangerete. Questo è uno dei punti fondamentali per la riuscita del dolce (vi ho messo ansia eh...).

Create uno strato compatto di biscotti e copriteli con metà della crema, spalmatela d e l i c a t a m e n t e e fate un secondo strato di biscotti (anche qui capirete che l'inzuppo è fondamentale, se il savoiardo perde caffè sulla crema l' "annacqua" e il tiramisu viene male (altra ansia eh....).
Coprite il tutto con la restante crema, spolveratelo di cacao amaro (nella foto il mio ha sopra una grattugiata di cioccolato fondente) e mettete in frigo per almeno 8 ore; infatti la crema deve aver il tempo di rassodarsi e se l'offrite troppo presto il tiramisu crollerà nei piatti appena lo servite (ve lo dico per cognizione di causa visto che l'ultima volta che l'ho preparato, a causa di tempi tecnici ho provato a servirlo dopo solo 3 ore, e l'ho offerto alla cognata di un pasticcere di Roma Nord....ecco...immaginate voi la figura di...)

Lo adoro. Punto (e questa è la mia canzone preferita)

Share this:

CONVERSATION

15 commenti:

  1. Anch'io l'adoro come dolce, e ne faccio anche una variante in cui sostituisco il caffè con succo d'arancia e guarnisco con fette d'arancia tonde tagliate al vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io faccio un dolce simile al tiramisù a base di vermouth - buonissimo e uno con fragole e panna.
      Ma non chiamiamolo tiramisù (l'originale si offenderebbe) ;-)

      Elimina
  2. 1 Domanda: perché è tanto importante utilizzare le uova a temperatura ambiente? Anche quando ho fatto la mayonnaise era richiesta questa cosa. Se uno si scorda le uova in frigo le maledette prima che raggiungano la temperatura ambiente ci mettono una quaresima, se ne stanno lì, belle fresche, con la coccia fredde. E alora le covi con le mani per rimediare..... io l'ho fatto.

    2 Domanda: io sono peggio di G. se manco a me piace tanto il tiramisù?? :-)

    Mia madre nell'impasto ci mette pure le scaglie di cioccolato (ricordi? lo assaggiasti quella volta in terrazza che c'era pure mio fratello), sono diverse scuole di pensiero.

    Comunque farò tesoro di questa ricetta, per far contento il marito faccio questo e altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) le uova devono essere a temperatura ambiente perchè così montano bene.
      2) no a parimerito :)
      3) tua madre non prepara il tiramisù, bensì prepara un buonisismo dolce che gli assomiglia (visto che nel tiramisù non sono previste scalgie di icoccolato)
      Si diciamo che ci sono due scuole di pensiero: le talebane del tiramisù come me e i contaminatori. LOL

      Elimina
  3. ...se viene buono come quello di Pompi, il successo di questa ricetta è assicurato!!!
    Vorrei una tua opinione però su una possibile "variante": proprio qualche giorno fa ho visto fare il tiramusù su realtime nel programma di Buddy Valastro (Cucina con Buddy). Lui non metteva le chiare e le sostituiva con della panna liquida da montare velocemente a mano, prima di incorporarle ai tuorli + mascarpone.
    Secondo te ne vale la pena? Oppure è solo un'inutile aggiunta di grassi?
    E poi lui iniziava stendendo nel contenitore uno strato di crema prima di iniziare a mettere i savoiardi inzuppati...
    Sinceramente mi fido più di te...però vorrei sapere cosa ne pensi ;) Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto a Silvia qui sopra ci sono due diverse scuole di pensiero, la talebana del tiramisù come me, che intendono il dolce in maniera pura, senza panne, scaglie di cioccolato, frutta ecc.... e poi ci sono la contaminatrice che varia la ricetta.
      L'idea della panna è a mio parere un aumento di calorie e una variazione fattibile, ma l'importante è non chiamarlo tiramisù...è un altro dolce.
      (io stessa mi sono preoccupata quando in mancanza di cacao amaro ho dovuto grattugiarci sopra il fondente)!

      La crema prima del tiramisu sembra più golosa in realtà rende meno presentabile il dolce. Quando fai la fetta non poggia più su dei biscotti ma su una base soffice/spumosa/altamente instabile e poco presentabile.

      Elimina
  4. il pizzico di sale è una leggenda metropolitana, te lo dica uno che li monta a mano libera :)

    RispondiElimina
  5. io faccio un cucchiaio di zucchero per ogni uovo e uno per la zuppiera e poi, a casa mia, nella crema ci vogliono il cognac (circa un cucchiaio ogni tre uova)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici di provare senza sale? sicuramente la prossima volta lo farò!

      Ah ah ah sei un contaminatore quindi! Io ne facico uno con il vermouth al posto del caffè...divino...in estate la ricetta (xchè và anche gelato)

      Elimina
  6. eh eh eh, ammetto ch a volte contamino, tipo questa volta: http://randomaccesslife.blogspot.it/2009/03/dolce-domenica.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho visto, meraviglioso (anche nella presentazione) ma non chiamarlo tiramisù. al massimo chiamalo
      "dolce meraviglioso con le fragole"
      :-)

      Elimina
  7. ahahah...comunquedevo ammetterlo...io sono una contaminatrice, cognata di un contaminatore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basta non chiamarlo "tiramisu" puoi contaminare quel che vuoi chiamandolo "dolce al..." :-))))

      Elimina
  8. Io lo faccio esattamente come il tuo,solo che a volte le chiare non le metto tutte,non so ma mi rovinano la crema.ad ogni modo,domani lo preparo! Xo xo petite Fatou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le chiare devi montarle a neve soda, e poi amalgamarle al resto della crema con estrema delicatezza e con i movimenti dall'alto in basso che ho descrtitto, senza aver fretta :)

      Elimina