Caffè shakerato


Il caffè freddo è un disgustoso ossimoro.
Il caffè freddo da bar, roba vecchia lasciata in una bottiglia in ghiacciaia o che gira e rigira in un recipiente refrigerante, comunque ce lo propinino l'ingrediente di base è...vecchio!
Il caffè è un alimento "vivo" che dal momento preciso in cui esce bollente dall'erogatore inizia a "degenerare", ad "inacidire", cambia il suo aroma ed il suo sapore. Ne consegue che, bersi il classico caffè freddo, vuol dire bersi una ciofeca inacidita.
Nella mia casa è entrato da pochi giorno un nuovo utensile: lo shaker. La prima ricetta che m'è venuta in mente è stato il caffè shakerato perchè, tra le tante varianti, una delle ricette più semplici prevede tutti ingredienti che chiunque, in ogni momento, ha in casa. 
Si usa il caffè appena preparato (ripeto, a voce alta, APPENA PREPARATO), che viene rifreddato in pochi istanti con l'uso del ghiaccio e così si che possiamo gustare un caffè freddo da manuale.  

Ingredienti:
  • due caffè appena fatti
  • molti cubetti di ghiaccio (ma ancor meglio sono quei cubetti di silicone che si mettono in frigo e si ghiacciano, hanno lo stesso utilizzo dei normali ghiacciolini ma il privilegio di non scioglierli finendo per allungare e annacquare il nostro caffè!)
  • zucchero semolato o di canna (quello di canna lo trovate quasi esclusivamente nelle botteghe equo e solidali, il resto è solo zucchero semolato colorato dal caramello....non fidatevi)
Zuccherate i caffè a seconda del gusto, riempite lo shaker di ghiaccio, versatevi sopra il caffè, chiudete e agitate vigorosamente. 
Basterà preparare due bei bicchieri di vetro (magari quelli da Martini) e versarvi i caffè (uno shaker fatto bene filtra il contenuto ed evita che scenda nei bicchieri il ghiaccio).
Gustate soddisfatti!


A parte il titolo...è un'allegra canzone estiva, così come la ricetta!
7000 caffè - Alex Britti Link You Tube

Share this:

COMMENTS

0 commenti:

Posta un commento