Lo Zelten ovvero: prendi una tradizione che non ti appartiene e falla tua


Riporto in cima questo post, datato 2012, perchè contiene la ricetta della mia ospitata ad Arturo Tv del 19 Dicembre 2013

Lo sapevo, prima o poi doveva capitarmi. Questo post sullo Zelten Trentino l'avevo preparato nientemeno che a Marzo; poi m'ero resa conto che mettere una ricetta così non aveva molto senso e allora l'avevo messo da parte e stasera l'avevo riaperto per leggerlo, modificarlo e ripubblicarlo. Dopo due righe è sparito tutto. Nel senso che mi sono confusa con i tasti e puff tutto in fumo.
Facciamocene una ragione e ricominciamo da capo.

Questo dolce l'ho assaggiato la prima volta un anno fa, alla Vigilia di Natale, preparato da una zia del mio compagno. La cosa che mi ha colpito non è tanto il sapore (comunque buonissimo e molto "natalizio") bensì la preparazione. Si perché bisogna prepararlo in anticipo per poterlo gustare nei giorni di festa. E questa ritualità fa tanto "tradizione" e per questo l'ho eletto mio dolce ufficiale per le feste.
Credo che lo preparerò il 20 per servirlo al pranzo di Natale e per questo vi scrivo oggi, 16 Dicembre, la ricetta: potrete comodamente procurarvi tutti gli ingredienti, prepararlo per tempo e poi bè...farmi sapere se vi è piaciuto quanto è piaciuto a me.
p.s. la foto è del primo Zelten fatto, un anno fa, appena cucinerò il nuovo la sostituirò, ve lo prometto!
Ingredienti:
L'impasto base
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 2 uova 
  • 100 gr. di burro sciolto
  • 200 gr. di farina 00
  • 125 ml di latte
  • un pugno di noci tostate e sminuzzate
  • la buccia grattugiata di un limone
  • una bustina di lievito per dolci
  • una punta di cucchiaio di sale
La frutta
 (va preparata una notte prima o comunque minimo 6 ore)
  • 100 gr. di uva sultanina
  • 150 gr. di fichi secchi tagliati a dadini
  • a piacere anche 40 gr di ciliegie candite e 40 gr di cedro candido (nel caso li metteste diminuite di 80gr i fichi secchi)
  • 60 ml di rum (due bicchierini circa)
La decorazione
  • noci, mandorle, pinoli, ciliegie candite, canditi vari secondo i gusti
Amalgamare gli ingredienti base dell'impasto e aggiungervi la frutta preventivamente lasciata macerare nel rum. Versare il composto in una teglia (meglio se a cerniera) aiutandovi a livellarlo con una spatola e decorare in superficie con frutta secca e/o candita premendola leggermente per farla aderire bene al dolce. Cuocere in forno caldo a 170° per 30 minuti circa. 
Quando è completamente freddo avvolgerlo nella pellicola o nella carta d'alluminio e lasciarlo riposare per minimo 4/5 giorni. 

Gustare con calma.
White Christmas - Michael Bublè Link You Tube

Share this:

CONVERSATION

4 commenti: