Succo di pera e latte



La prima volta che mi hanno offerto un succo di pera e latte volevo vomitare. Sinceramente.
L'idea del latte aggiunto a qualsiasi succo di frutta non mi andava giù, però si sa, sono curiosa come ogni foodie e così ho provato. La regola è berlo non agitato né mescolato, che farebbe tanto James Bond ma essendo a Roma e non in un film inglese fa tanto cretina al bar.
Vi consiglio di provarlo se vi piace il succo di pera così come piace a me (il mio preferito dopo albicocca e pesca). E vi consiglio di provarlo con il latte vaccino e non con surrogati quali il riso e la soia. Io oramai non bevo più latte di mucca ma qui è d'obbligo fare uno strappo alla regola. Non agitandolo e non mescolandolo il latte e la pera restano distinti e berlo significa incappare in sacche di latte mentre si gusta il succo di pera; non so se son riuscita a rendere l'idea, ma vale davvero la pena assaggiarlo.
Per quanto riguarda l'orario non c'è una regola fissa, ottimo a colazione, a metà mattina e nel pomeriggio, come alternativa originale per il tè con le amiche o per una pausa golosa per i bambini (davvero mi preoccupo delle pause dei vostri bambini? oddio sto proprio invecchiando!!) 

p.s. Unica accortezza, non fate come la barista che me l'ha servito l'ultima volta, nel succo di pera ha aggiunto latte caldo, l'effetto, anche visivo, era pessimo.

fresca nuova e...orecchiabile

Share this:

COMMENTS

0 commenti:

Posta un commento