Settemari - ristorante di pesce. L'ultimo nato della famiglia Settembrini


In zona Delle Vittorie ho lavorato per circa quattro mesi. Un periodo buio e luminoso assieme, come buie e luminose sono alcune parti della nostra vita, alcune cadute che attendono il nostro toccare il fondo per diventare salti.
Spesse volte ho approfittato del fermento della zona per fermarmi - dopo lavoro - e "aperitivare" con gli amici. Uno dei punti preferiti era - manco a dirlo - Settembrini.
Delizioso, cool, con un'offerta varia e la qualità percepibile ad ogni scelta culinaria.



La famiglia di Settembrini si è arricchita - da qualche mese - di un locale, anzi un ristorante, Settemari, che ha aperto a pochi passi dal luogo storico di cui vi ho parlando. 
Settemari è un ristorante di pesce che basa la sua cucina sulla tradizione mediterranea con arrivi di pesce fresco direttamente dalle aste di Fiumicino, Terracina e Anzio.
L'idea è di alternare alla guida vari chef che via via interpreteranno a modo loro il mood di Settembrini e regaleranno grandi emozioni agli ospiti del ristorante.

Il battesimo è stato ad opera di Libera Iovine, nativa di Procida, un caposaldo della ristorazione italiana al femminile, lei che ha lanciato e reso grande lo stellato ristorante Melograno in quel di Ischia.  All'apertura ho quindi avuto modo di assaporare le sue Mazzancolle con verdure in agrodolce erbe amare e maionese di gamberi così come le seppie con carciofi su crema di patate viola e mentuccia che vedete nelle foto qui sopra. Per ciò che riguarda i primi piatti c'era un duo: Mezzemamiche al ristretto di zuppa e briciole agliate e Orecchiette, vongole veraci, cozze, broccoli e peperoncino, entrambe spazzolate in men che non si dica! 


Passando per il secondo (una ricicola ricoperta di pan brioche alle bucce di agrumi e caponata sicialian) sono planata infine sul suo dolce, una pastiera napoletana servita con una delicata crema.


Oltre a questa originale scelta di staffetta tra chef, quello che mi ha colpito, quando sono stata a cena da Settemari, è stata la qualità del sushi, veg e non (davvero delizioso quello con capasanta) tutto preparato a vista - così come i cocktail - nel bacone centrale a isola, punto nevralgico del locale.


Il sushi ha un  ruolo di primo piano da Settemari, lo si può gustare anche a pranzo, per un pasto easy, o in occasione dell'aperitivo serale. La sera - invece - menu degustazione a sette portate oppure a quattro e, ovviamente, anche la possibilità di ordinare a la carte.

A proposito di cocktail, che oramai sono la mia passione, non solo per il gusto ma per la varietà e il loro sempre pittoresco e variopinto modo di essere presentati (a seconda del bartender che li prepara) questo è quello provato da me: il Balena Bianca Mule a base di Liquore ai fiori di sambuco, succo di lime e soda allo "zembuco". 

 


Indirizzo: Via Giuseppe Avezzana, 19, 00195 Roma
Tel. 06.32.11.15.83

Share this:

COMMENTS

0 commenti:

Posta un commento