Pollo tandoori


E fu così che l'India entrò in casa mia.
Perché ho una collega fidanzata con uno straniero, perché lei ha fatto l'aiuto cuoca decenni fa e condivide con me la passione per la cucina (e ancora si chiede come mai fotografo qualsiasi cosa commestibile si trovi a tiro, non sapendo "chi" sono), perché cammina che ti cammina mi ci son voluti due anni per scoprire che per 40 ore a settimana lavoro vicinissimo ad un negozio di cibi etnici.
Ed è proprio qui che ho acquistato una salsa (in mancanza delle spezie in polvere) rosso fuoco, ingrediente fondamentale per cucinare il pollo tandoori.
Il risultato è un piatto piccante da morire, facilissimo da cucinare e originalissimo da presentare grazie al colore che assume la carne; l'ho accostato alle patate al vapore nel tentativo, vano, di smorzare il fuoco nella mia bocca, perchè non si dica che io, per amore della cucina, non faccio qualsiasi cosa!

Ingredienti (per due persone):
  • 4 fusi di pollo
  • un cucchiaio di pasta o di polvere Tandoori
  • mezzo vasetto di yogurt bianco magro
  Praticate delle incisioni sul pollo e massaggiatelo con la salsa tandoori unita allo yogurt. Lasciate insaporire per 4 ore o più. 
Foderate una pirofila con carta da forno e infornate a 200° per 25/30'.
Volendo potete accompagnarlo con delle patate lesse o al vapore con sopra una spolverata di paprika.

Nella vostra bocca...

Share this:

CONVERSATION

4 commenti:

  1. Io sono troppo dentro la cultura culinaria indiana 'sto periodo, sto sperimentando cose che secondo me manco loro mangiano più. La polvere Tandoori pizzica tantissimo, non so come sei ancora viva! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo vogliamo dire che a me non piace il piccante? :-))))
      Ho mangiato 'sto pollo più per dovere di cronaca che altro, con le lacrime agli occhi per la soddisfazione del mio compagno che, invece, l'ha adorato

      Elimina