Dai Blog alla libreria.....e infine alla tua tavola

Foto di "Ricette 2.0" concessa in uso per questo post

Oggi voglio parlarvi di un progetto e di un libro.
Tutto nasce da un’idea dei creatori del motore di ricerca "Ricette 2.0" che negli anni si è evoluto divenendo un  vero e proprio aggregatore di blog culinari (ad oggi ne conta quasi 600). All’epoca (si parla del 2010) i siti erano circa la metà e tra questi ne furono scelti 20 che hanno poi dato vita ad un libro "Dai Blog alla tua Tavola" un progetto editoriale nuovo,  dove non sono belle faccette giovani a presentare le ricette altrui, dove non c'è un'eterea donna che "scopiazza" idee per accaparrarsi la pubblicità bensì dove ci sono solo foodbloggers che ci mettono fantasia, ricetta, nome e …indirizzo web. 
Ho già parlato di quanta fatica ci sia dietro l'hobby del foodblog  (tanto che l’accoppiata hobby - foodblog pare quasi un ossimoro) e quando un progetto editoriale nasce proprio dalla fatica di un manipolo di foodbloggers la sua divulgazione e il suo successo credo che vadano appoggiati e favoriti.
Ho avuto modo di conoscere la realtà di questo sito qualche mese dopo aver creato il blog, quando i ragazzi di Ricette 2.0 mi hanno contattato e chiesto di entrare nella loro rete. Dopo averli sottoposti ad un interrogatorio in piena regola che mi è valso un editoriale sul sito (perchè tutti sanno che sono una precisa...e allora non vedo perchè smentirmi!) ho accettato ben volentieri di entrare nel loro mondo.
Ma ritorniamo al libro, sfogliandolo ci troviamo di fronte ad una grafica giovanile, delle invitanti fotografie che già da sole fanno venire l’acquolina i bocca e, ricetta per ricetta, leggiamo tutti i riferimenti agli autori completi di indirizzo web dei rispettivi blog. Ecco così che anche chi non aveva mai pensato di poter pubblicare qualcosa di suo ha avuto l’occasione di farsi conoscere, pubblicizzarsi e di farsi apprezzare per ciò che effettivamente ha saputo creare e presentare attraverso i nuovi canali di comunicazione del web 2.0. Sono questi secondo me i pregi del libro, i motivi per cui lo consiglio prima di altri, perchè a parte l'ovvietà di trovarvi solo ricette "provate", nasce dalla passione e dalla competenza di gente che cucina (per divertimento o per mestiere) ma comunque sia, di gente che cucina veramente.
Ultimo ma non ultimo pregio? il costo: 9,90 euro, di cui 1 viene donato al Banco Alimentare. Vogliamo elencare i progetti giovani che, alla loro prima esperienza editoriale, donano un decimo del prezzo di copertina (che ovviamente già di per se non corrisponde al guadagno) in beneficenza? Non perdiamo tempo in ricerche inutili.....



A questo libro giovane ho deciso di accostare una canzone, che potrete ascoltare la prima volta che lo sfoglierete
Sweet about me - Gabriella Cilmi Link You Tube

Share this:

CONVERSATION

2 commenti:

  1. Grazie dell'informazione, è sempre un piacere leggere le novità culinarie e provare a sperimentarle per le occasioni speciali o tutti i giorni!
    bruni76

    RispondiElimina
  2. Bè il "lavoro" di una foodblogger consiste anche in questo :-)

    RispondiElimina