Coppa alla romana


 
Lo ammetto: la coppa è un salume "difficile". Io lo mangio da quando ero piccola. In me la coppa rievoca amicizie ormai perdute, gioiose festività nel paese della nonna, aria di neve e di pioggia, carne cruda ovunque e un pensiero per il maiale ucciso, mai visto ma sempre immaginato. In chiunque altro la coppa evoca spesso disgusto. Daltronde è un vero e proprio "ammasso" di carne (e cartilagine e via discorrendo) di maiale ricavata dal cranio dello stesso, dalle orecchie, dal muso, con aggiunta di spezie, pepe  e scorza di arancia. Capisco che possa anche non piacere....
Ma per chi lo ama, ecco una ricettina niente male gustata all' "Antica Osteria Pietro" a Roma e facilmente riprodotta in casa.

Ingredienti
  • fette di coppa
  • aceto bianco
  • prezzemolo
Condite le fette di coppa con aceto e cospargetele di generose manciate di prezzemolo tritato finemente. Fate riposare per un 20 minuti prima di servire (possibilmente accompagnate con crostini di pane casereccio. 

Accompagnateci:
Se ne dicon di parole - Giuliano Palma Link You Tube

Share this:

CONVERSATION

10 commenti:

  1. da noi la coppa è il capocollo. questa sarebbe la ns soppressata. la proverò come dici te, da sola non mi ispira molto!

    RispondiElimina
  2. se da sola non ti piace, provala così condita, è ancora più aromatica e l'aceto copre un pò il sapore a volte percepito come "forte" di quest'insaccato.

    RispondiElimina
  3. ecco provata! rimango purtroppo della stessa idea che non è un salume che mi attira anzi.. però devo dire che con prezzemolo ed aceto effettivamente si gusta un po' meglio. mio cognato ha spolverato l'intero piatto che era previsto per 4 persone (togliendo un assaggio di noi altri 3)...

    RispondiElimina
  4. ottimo, mi fà molto piacere che abbia gradito. Certo un pò d'aceto e di prezzemolo non fanno miracoli ma è interessante vedere come anche i salumi si possano "condire", ho in serbo un'altra ricetta simile, e secondo me questa ti piacerà!!

    RispondiElimina
  5. ^_^ ne sono contenta Mary!
    ciao e bentrovata

    RispondiElimina
  6. Ottimo il capocollo. Ne da'conferma la merenda di solo ieri (3.04.2012)abbinata a pane tibetano (farina integrale di grano e orzo)e a Grignolino monferrino. La possibilità di condirla anche con qualche goccia di limone, prezzemolo e un filo di evo...e una scaglia di grana. Mi piace il minimalismo e la praticità. Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi anche da te, come dalla ocmmentatrice qui sopra, la coppa si chiama capocollo
      pensare che da noi a Roma il capocollo è tutt'altro salume (una specie di lonza)
      Interessanti contaminazioni di nomi
      Minimalismo e pratcità è il mio secondo nome in cucina ;)

      Elimina
  7. Anche da noi, nel Mantovano, è capocollo quello che utilizzi mentre la Coppa è un altro salume come quello in questa immagine http://goo.gl/J3xDd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incredibile, da noi a Roma è perfettamente il contrario!

      Elimina