La bellezza è negli occhi di chi guarda




E' successo per caso.
Dovevo dare un senso ai tempi morti, altrimenti i tempi morti mi avrebbero fagocitata.

Mattinate interminabili prima di iniziare a lavorare, pause pranzo che si trasformavano in agonie.
Quando - volente o nolente - cambi le tue consuetudini e ti ritrovi a dover gestire del tempo morto senza poterne fare buon uso rischi di soccombere; soccombere ai ricordi, alle abitudini che vengono a mancare, rischi di soccombere anche alla tua mente che sta lì e - non presa da nulla di immediato - inizia a pensare.

Pensare.
Nulla di peggio quando non vuoi.
Nulla di più difficile da evitare.
Solo una cosa funziona: il lavoro manuale.


Così ho deciso.
Porto la reflex a lavoro.
Premetto, io non porto mai - dico mai - la reflex con me, tranne per qualche evento di cui mi occorrano foto ad alta risoluzione.
Ho cambiato idea.
Ho dovuto.

E ho iniziato a passeggiare per Roma con in mano la macchinetta.


Non sapevo cosa volessi fotografare fino a quando non sono incappata in una sciarpina persa da qualcuno.

Era lì, in terra, sporca ma bella e l'istinto è stato fermare quel particolare della mia città.

Non il Vaticano, non Castel S. Angelo, non il Tevere né Fontana di Trevi ma una sporca sciarpina lasciata in terra.

Da lì, quello che ne è seguito e che vedete è venuto naturalmente.

Scegliere particolari insignificanti, sporchi, strani, anonimi, scegliere di fotografare della spazzatura o cercare di rendere interessante un soggetto che - visto dal vivo - sfugge al nostro sguardo, questo è quello che ho cercato di fare...


La bellezza che io vedo in alcune di queste foto mi pare così violenta da sembrarmi oggettiva. So che non è così, so che è solo un mio punto di vista per cui è l'antitesi dell'oggettività però mi piace pensare che anche voi che ora siete qui a leggere possiate cogliere quel che di bello ho colto io in questi soggetti.

La mia speranza è di esser riuscita a tirar fuori e rendere visibile agli occhi quello che di bello c'era in loro.


Si dice che la bellezza sia negli occhi di chi guarda e niente mi pare oggi più vero.

La bellezza, delle cose, delle persone, delle situazioni dipende dagli occhi di chi le osserva;


è opinabile, è un punto di vista personale che io - oggi - ho tentato di rendere oggettivo. 

Share this:

CONVERSATION

5 commenti:

  1. Penso che ognuno di noi abbia ammirato, almeno una volta, la bellezza delle cose banali riportata in questo articolo. È bello vedere che che non sono l'unico a fotografare cose tipo una lumaca accanto al pulsante "premere qui" per il semaforo del passaggio pedonale.
    Certo, uno che segue un blog di cucina non si aspetta di leggere cose del genere, ma... A me piace! Piace vedere che le cose belle della vita non hanno confini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credere Teo, c'è tanta gente che non va mai oltre quel che si trova davanti e non si accorge del bello che lo circonda. Che sia una lumaca o un sacco nero bisogna saperli guardare e avere la sensibilità di farlo :-)
      Mi piace parlare di altro oltre che di cucina, mi piace sempre di più - lo ammetto - Per fortuna c'è chi ;-) mi ha dato l'idea della sezione "VIVO DA VICINO". Purtroppo quando ho aperto il blog non sapevo di avere così tante cose da dire, oltre alle ricette. O magari all'epoca non avevo ancora tante cose da dire :-)
      RispondiElimina

      Elimina
  2. non credere Teo, c'è tanta gente che non va mai oltre quel che si trova davanti e non si accorge del bello che lo circonda. Che sia una lumaca o un sacco nero bisogna saperli guardare e avere la sensibilità di farlo :-)
    Mi piace parlare di altro oltre che di cucina, mi piace sempre di più - lo ammetto - Per fortuna c'è chi ;-) mi ha dato l'idea della sezione "VIVO DA VICINO". Purtroppo quando ho aperto il blog non sapevo di avere così tante cose da dire, oltre alle ricette. O magari all'epoca non avevo ancora tante cose da dire :-)

    RispondiElimina
  3. Bellissime foto, complimenti! Anche io, come te, mi soffermo spesso ad osservare i particolari che ad una prima occhiata sfuggono e mi ritrovo a pensare " Wow, che bello"!

    RispondiElimina